Una vacanza da Dio

Scrivo due righe per parlare della mia ultima vacanza in Grecia. Più precisamente a IOS. A mezz’ora di traghetto da Santorini. Ios (non quello dell’apple) è un isoletta che sà veramente il fatto suo. Come ogni luogo ci sono peridi per visitarla e periodi invece per divertirsi.

Io sono stato forse fortunato ma sono capitato nel momento della chiusura della discoteca più popolata dell’isola e dell’arrivo della quiete e relax. Diciamo la mia vacanza di 7 giorni è stata divisa a metà. Una parte solo divertimento, l’altra esplorazione e scoperta di nuove spiagge.

Parliamo dei prezzi. Allora ci troviamo in Grecia e comunque per la spesa comune di tutti i giorni i costo sono molto simili all’Italia. Il costo del carburante invece è più basso ma non di molto. L’alcool costa veramente tanto.

Siamo partiti in 4, e abbiamo affittato con 35 euro a testa due motorini 50cc per muoverci.

Le spiagge: sono bellissime, ci sono posti dove ci vuole mezz’ora/ quaranta minuti per arrivare ma una volta lì non vuoi più tornare indietro. Maganari in primis. C’è poi il FarOut, la discoteca sulla spiaggia, un locale che in piena estate fa il botto!

In fine. Ho lasciato volutamente per ultimo un locale nel quale ho lasciato il cuore: Pathos! Ragazzi, ragazzi, ragazzi miei… andate al Pathos a vedere il tramonto. Una piscina sul mare. Un locale dal voto 10 e lode. Non ci sono parole per descriverlo, vi lascio con qualche foto e vi invito a vedere il mio profilo Instagram (@si_mone88 e @si_monce) per vedere tutte le altre.

Annunci

Un Italiano a Parigi.

Quando ti svegli la mattina e decidi di partire se vuoi un mio consiglio “NON CI PENSARE DUE VOLTE -PARTI-“.

Quindi qualche mese prima del mio compleanno ho deciso di partire ed andare a trascorre 3 giorni a Parigi. Questo articolo magari può esserti utile se anche tu un giorno vuoi andare nella capitale Francese e trascorrere del tempo libero in questa magnifica città.

Cercherò di essere molto schematico, e dividere questo piccolo articolo in tanti punti e consigli.

Viaggio – Durata del soggiorno.

Hai dubbi? Due giorni? 3 giorni forse sono troppi? Forse sono pochi. Allora Per vedere Parigi nei minimi dettagli ed assaporarli in tutti i modi l’ideale è quello di partire per 4 giorni “pieni” quindi partire la mattina presto e trovarsi già in centro per le 9.30 e poi il quarto giorno cercare di ripartire per le 20.00. Il mio soggiorno è stato di 3 giorni pieni, appunto molti scorci e molti monumenti non sono riuscito a gustarli nel modo giusto quindi il mio consiglio è quello di andare 3/4 giorni.

Equipaggiamento.

Tanta buona volontà, piccolo vocabolario francese o inglese, scarpe comode, ombrello e macchina fotografica, e smartphone in tasca con qualche app prescaricata e cavetto USB sempre in tasca (poi vi spiegherò il perché).La cartina della metro e della città sarà reperibile in ogni albergo o punto informazioni ci sono poi molte app IOS o Android. Questo è stato il mio equipaggiamento, ma comunque ognuno ha i suoi oggetti e gadget importanti che in un bagaglio a mano posso entrare volentieri.

Metro, treni, autobus e aereoporti.

Partiamo dagli Aereoporti, io sono arrivato ad Orly ed è un piccolo aereoporto collegato benissimo con il centro da un autobus che passa ogni mezz’ora ed il biglietto sia di andata che di ritorno lo si può acquistare alla fermata stessa. Poi abbiamo Char de Gaulle ovvero l’aeroporto più grande di Parigi collegato anch’esso dallo stesso autobus verso il centro e viceversa. La  metro è il mezzo di trasporto più veloce, ci sono tantissime linee numerate e poi abbiamo le due linee principali che sono A e B, aperta fino a tarda notte. La metro sempre puntuale con una semplice App gratuita da scaricare sullo smartphone, si possono inserire le stazioni di arrivo e di partenza e Taaaac lei ti calcola il percorso più veloce con le coincidenze e le varie linee da prendere, non è magnifico?. Abbiamo poi i  Bus che consiglio vivamente perché durante i tragitti si possono ammirare tutti gli scorci della città. Inoltre ad ogni fermata attivando l’NFC del cellulare e toccando la tabella della fermata lo schermo dello smartphone ti dirà quanto tempo manca all’arrivo del Bus, poi cosa fighissima ogni fermata ha una porta USB per mettere in carica il vostro smartphone, Tablet o macchina fotografica (in Italia queste cose solo in cartolina aimè). Un bus che consiglio di prendere di notte è il 76 che parte da piazza Bastille è bello perché riesce a passare sotto tutti i monumenti principali e vederli illuminati è tutta un’altra cosa.

 Cosa vedere?

Tutto quello che puoi vai e vedilo. Tutto tutto da Montmartre a Pigalle, la torre Eiffel, non trascurando assolutamente il Bateau Mouche di notte o di giorno a secondo della disponibilità economica. Io personalmente sono rimasto sorpreso da Montmartre un quartiere bellissimo, stupendo, vale la pena passare in quei borghi pieni di artisti di strada.

Conclusioni.

Ognuno di noi ha i suoi gusti e preferenze credo che questa città è una delle poche che riesce a collegare ogni punto di vista di ogni persona. Un vero gioiello Europeo!
Spero che questa guida sia stata in qualche modo esaustiva, per qualsiasi domanda non esitare a contattarmi per email: Simone.co88@Gmail.com.

Ho scattato qualche foto vai a vederla sul mio profilo Instagram: @si_mone88 e @si_monce.